👩🏻Ed eccoci di nuovo qui!

💪🏻 Settembre è un pò come capodanno o come quel famoso lunedì in cui “comincerò la dieta” pieno di buoni propositi e di idee innovative per affronate la nuova stagione al 🔝.

👀In questo articolo, vi svelerò alcuni semplici e facili trucchetti per “ingannare” l’occhio di chi vi osserva.

Partiamo da un concetto fondamentale: tutto è relativo. Non saprai mai classificare una linea lunga o corta fin quando non ne vedrai 2 comparate. Mi spiego: una linea di  5 cm è sicuramente lunga rispetto ad una linea di mezzo centimetro. Viceversa, sarà corta se paragonata ad una linea di 80 cm.

❓Come traduciamo tutto ciò?

➡Un oggetto grande posto accanto un oggetto piccolo apparirà ancora più grande

Oppure

➡Un oggetto piccolo posto acconto ad uno più piccolo sembrerà ancora più piccolo.

❓Ed in pratica come lo traduciamo nel nostro abbigliamento?

  1. TACCHI. Se i polpacci o le caviglie non sono sottili, il tacco deve essere medio largo e mai a spillo. Una cosa grande, vicino ad una piccola, sembrerà ancora più grande. Anche la forma della scarpa va considerata, corpi giunonici non sono valorizzati da  scarpe minute come una ballerina, ma prediligeranno scarpe più strutturate. Inoltre, ecco un accorgimento anche per tutte coloro che non fanno parte della popolazione dei Vatussi: un tacco a spillo su una figura petite sarà sproporzionato: troppo lungo rispetto la lunghezza della gamba. 👠
Credits: @girlwhitscurves via Instagram

  • BORSA. Le dimensioni, anche qui, giocano un ruolo fondamentale. La chiave di lettura è portare borse che siano proporzionate, in equilibrio, con le dimensioni complessive della nostra silhouette. La borsa, quindi, deve essere scelta sulla base della grandezza di tutto il corpo: una persona minuta, sceglierà mediamente una borsa più piccola e viceversa. 👜
    • Attenzione allo zaino: in tal caso le proporzioni vanno valutate sul nostro lato B. 🎒
    • Aggiungiamo, come consiglio, che anche il modo con cui la borsa viene portata fa tutta la differenza del mondo. Questo accessorio, infatti, aggiunge volume all’area del corpo dov’ è posizionato. Usa questa informazione a tuo vantaggio!

Credits: @victoriabeckham via Instagram

  • FANTASIE. Anche qui dobbiamo tenere in considerazione la nostra struttura fisica: un figura esile richiederà esempio pois piccoli o mille righe, una corporatura più florida pois grandi e righe larghe.
Credits: @girlwhitcurves via Instagram

  • A prescindere comunque dalla grandezza della fantasia (dove si lavora con le proporzioni in scala) sono sempre meglio disegni densi, non distanti tra loro, in quanto la vicinanza delle stampe tra loro, è anche una tecnica di camouflage molto potente (ad esempio, per un addome prominente). Per i colori contrastanti della fantasia dipende sempre, invece, dal contrasto armocromatico della persona, ma questo è un approfondimento di armocromia che tratteremo in seguito. 🌸🌹🌷🌼.
Credits: @girlwhitcurves via Instagram

  • CAPPELLI: si deve tener conto dell’ampiezza delle spalle e della silhouette generale. Una figura sottile preferirà modelli a tesa medio-piccola. 🤠
  • REVERS DELLA GIACCA: utilizzate questa informazione per consigliare al vostro compagno/marito il completo maggiormente adatto sua figura. Il revers della giacca (chiamato anche bavero), altro non è quel risvolto del collo che arriva fino a metà del busto, circa. Il revers è valorizzante se proporzionato alla grandezza delle spalle, al volume del torace o della pancia. 🧥
  • BRETELLE: quando scegliete una canotta, se avete spalle grandi e seno grande, optate per una bretella medio-grande. Bretelle sottili faranno apparire il vostro seno ancora più grande e le vostre spalle ancora più larghe. Vale anche il discorso contrario: bretelle sottili su spalle minute. In sinesi, sceglile proporzionate alla grandezza delle spalle e alla coppa del tuo seno.✨
  • TASCHE:  grande su un fondoschiena prominente, tasca piccola su un derriere minuto. Ricordati che i pantaloni senza tasche, arrotondano molto i glutei. 👖

💍In generale anche i gioielli o gli accessori, come i cappelli o gli occhiali, «devono» essere in scala con le nostre caratteristiche facciali.

  1. COLLO: Ricorda che per la regola delle proporzioni in scala: un collo robusto non è valorizzato da un gioiello sottile, anche se esso fosse lungo. Avrà invece, bisogno di una collana medio lunga e di un ciondolo proporzionato alla sua larghezza. 🦢
  • SPALLE STRETTE vogliono orecchini piccoli. 💪🏻
  • NASO. Gli orecchini devono essere proporzionati al naso. Più piccoli sono gli accessori che contornano il viso, più il naso sembrerà grande. Lo stesso principio vale per gli occhiali: una montatura molto sottile farà risultare il naso più grande. 👃🏻
  • OCCHI. Utilizza orecchini proporzionati alla tua grandezza degli occhi per metterli in risalto! Stesso principio vale per il make-up: eyeliner più sottile su un occhio piccolo e viceversa.
Credits: @sarahhyland via Instagram; @catherinezetajones via Instagram

  • LABBRA RISPETTO AGLI OCCHI. Più grandi sono le labbra più gli occhi appariranno piccoli.
  • OCCHI RISPETTO ALLE SOPRACCIGLIE. Stesso discorso: più le sopracciglia sono grandi, più l’occhio sembrerà piccolo.
Credits: @blakelively via Instagram; @lilycollins via Instagram

🛑 ESISTONO REGOLE IN QUESTO GRUPPO?

No!

Quindi, eccomi che vado a smentire quello che ho detto?

No!

👩🏻‍🎤La cantante americana Lizzo, icona mondiale della body positivity, con suoi look celebra le sue forme esasperando le proporzioni in scala ed esagerando volutamente i volumi.

Credits: @lizzobeeating via Instagram

📸In questa foto noterete come il suo look va contro a tutte le regole delle proporzioni in scala sin ora illustrate:

◼ Abito con balze. Le balze aumentano il volume e, per questo, non sono consigliate se l’intento non è quello. Eppure, eccola lì, lei le indossa e con stile!

◼Colore chiaro e brillante. Entrambe queste caratteristiche del colore hanno come obiettivo quello di “allargare”.

◼Tessuto luminoso. Stesso discorso.

◼Borsa minuscola. idem.

🔨LA CONOSCENZA CHE ACQUISIRETE CON QUESTA FORMAZIONE NON È FINALIZZATA AD IMPORRE DICTAT, REGOLE FISSE E MAI VIOLABILI.

Non esiste un «giusto» o uno «sbagliato»

Non esiste un «in» o un «out»

Non esiste un «permesso» o un «proibito»

Non esiste un “sì” o un “no”.

🌼Esiste solo la regola dello scegliere ciò che ci fa sentire sempre a nostro agio. A prescindere dall’armocromia e dallo studio delle forme del corpo, una decisione presa con la consapevolezza della conoscenza delle nostre proporzioni, ci rende libere di fare la scelta che più mette in risalto la nostra unicità, a prescindere da qualsiasi tecnicismo.

A presto

D. 👄

Lascia un commento